dna

ebbro, mi libro, libero, dal mio labbro.
mi seguo con lo sguardo lungo la semplice parabola poco scostata dal vento, del mio sputo dal dirupo. eccomi, riflesso nel mio umore in abbandono alla gravità. sulla sua superficie cangiante mi saluto da lontano, sparso per kilometri d’aria sparsa. l’aria a sostenerlo, l’aria a rigettarlo nell’istante del distacco. ti lascio, me. e ti lascio quel poco di me che ti necessita a non tornare.
quante volte mi hai lasciato, me? mi hai lasciato continuare per la mia via, mentre rimanevi impigliato su un pettine, una forchetta, un treno, un ponte, un’unghia, un’onda, un lenzuolo, una corda, un fiore, un tacco, una porta, un pennello, una foto. sei rimasto così com’eri là dove ci siamo lasciati, e chissà come sei cambiato.
intanto mi ricordo di ricordare, ogni tanto.
e se mi volto non mi riconosco.
riparto. ed è tutto ciò che avevo previsto.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...